versuris.com

versuri e giuseppe leggeva lenin - gianfranco manfredi

Te rog, așteaptă...

un giorno di nebbia alle sei del mattino
giuseppe leggeva lenin
la luce era accesa sul suo tavolino
giuseppe leggeva lenin

giuseppe, è tardi, è giorno inoltrato
perché non vai fuori al caffè?
l’inverno è triste, la gente sbadiglia
io resto a studiare lenin

è già primavera, si gioca al pallone
giuseppe leggeva lenin
la luce del sole sul suo tavolino
giuseppe leggeva lenin

giuseppe, che fai? non vieni a giocare?
perché non ti muovi di lì?
il gioco è infantile, bisogna pensare
io resto a studiare lenin

nel suo paesino ci fu agitazione
giuseppe leggeva lenin
ci fu il movimento, la contestazione
giuseppe leggeva lenin

giuseppe sei saggio, perché non ci aiuti?
perché tu non lotti con noi?
non c’è la teoria, la pr-ssi è sbagliata
persisto a studiare lenin

un giorno di nebbia e di barricate
giuseppe leggeva lenin
la rivoluzione sfondava la porta
giuseppe leggeva lenin

e questo chi è? è un povero pirla
fissato a studiare lenin!
rinchiusa la porta, giuseppe piangeva
stringendosi al cuore lenin…

- versuri gianfranco manfredi

versuri aleatorii